Nell’appalto e nella somministrazione di lavoro tramite agenzia non è possibile utilizzare il lavoro occasionale di tipo accessorio. Lo precisa il Ministero in una circolare. Un impresa non può reclutare e retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi. Unica eccezione: gli steward da stadio delle società calcistiche.

\n

La riforma del mercato del lavoro voluta dal Ministro Fornero a metà del 2012 ha di fatto liberalizzato l’utilizzo del lavoro accessorio in tutti i settori contributivi. E’ stato previsto solo un limite quantitativo di tipo economico pari a 5.000 euro annui per ogni lavoratore (2.000 euro in caso di imprenditori commerciali e professionisti). Esistono però alcuni casi in cui il lavoro accessorio è comunque vietato: è il caso dell’appalto e della somministrazione di manodopera (Agenzie per il lavoro).

\n

Il Ministero del Lavoro ha ribadito nella circolare n. 4 del 18 gennaio 2013, contenente le indicazioni operative per il personale ispettivo riguardo al lavoro accessorio, che pur avendo, la riforma, ampliato notevolmente i casi in cui è possibile ricorrere a questa tipologia di prestazione di carattere occasionale, questa tipologia di lavoro non è utilizzabile quando c’è un intermediario tra il lavoratore e l’utilizzatore finale, ossia in caso di appalto e somministrazione.

\n

Si tratta di una prestazione che ha natura meramente occasionale e di tipo accessorio, tra l’altro retribuita attraverso i buoni voucher, che dall’entrata in vigore della riforma devono essere anche orari, numerati progressivamente e datati. Oltre che scadere dopo 30 giorni. Essendo tale tipologia contrattuale prevista per tipologie di rapporti di lavoro molto saltuari, il legislatore ha inteso non far assolutamente rientrare questo istituto contrattuale nell’ambito di quei fenomeni, ovviamente legali, di intermediazione nel mercato del lavoro come sono l’appalto e la somministrazione di manodopera tramite Agenzia per il lavoro.

\n

Il Ministero nella circolare n. 4 del 2013 ha precisato che: “Il lavoro accessorio costituisce uno strumento attraverso il quale ricondurre nell’ambito della regolarità talune prestazioni di carattere occasionale che, frequentemente, sono di fatto escluse da qualsiasi formalizzazione. Perdura l’esigenza che lo stesso non si presti a fenomeni di destrutturazione di altre tipologie contrattuali e a possibili fenomeni di dumping sociale nell’ambito degli appalti, a sfavore delle imprese che ricorrono a contratti di lavoro più stabili”.

\n

In relazione a tale aspetto, pertanto, conferma il Ministero nella circolare n. 4 del 2013, “è possibile confermare l’orientamento secondo il quale il lavoro accessorio è utilizzabile in relazione a prestazioni rivolte direttamente a favore dell’utilizzatore della prestazione stessa, senza il tramite degli intermediari. L’unica eccezione è quella degli steward delle società calcistiche, come esplicitamente previsto con D.M. 8 agosto 2007 modificato dal D.M. 24 febbraio 2010”.

\n

Il ricorso ai buoni lavoro è dunque limitato al rapporto diretto tra il lavoratore prestatore ed il datore di lavoro utilizzatore finale, mentre è escluso che una impresa possa reclutare e retribuire lavoratori per svolgere prestazioni (che sarebbero occasionali di tipo accessorio) a favore di terzi come nel caso dell’appalto e della somministrazione.


Cerca

RICORDO

Ciao Chiara! Ci hai lasciati soli sulla terra ma ci accompagnerà -per sempre- il tuo vivido spirito! E la tua stella illuminerà  il nostro cammino futuro. Ti vogliamo bene!

 

LE NOSTRE CIRCOLARI (grazie al contributo dei terzi indicati)

DECRETO RILANCIO - DL. 34 DEL 19/5/2020

Pubblichiamo un breve riepilogo del mastodontico Decreto Rilancio, dove abbiamo cercato di riepilogare le principali novità riguardanti aziende e fiscalità delle stesse. Linkiamo anche il testo del decreto così come pubblicato in GU, per i vostri successivi approfondimenti.

DECRETO "CURA ITALIA MARZO" - UNA CIRCOLARE CON I PRINCIPALI ELEMENTI DI INTERESSE PER IL CONTRIBUENTE

Al fine di agevolare la lettura del possente decreto, anche utilizzando le citate fonti di terzi, abbiamo predisposto una circolare che -speriamo- includa un breve richiamo alle principali norme di interesse comune per il contribuente. 

LEGGE DI BILANCIO 2020: LA CIRCOLARE

LEGGE DI BILANCIO 2020.

Buongiorno, oggi è

LA NOSTRA NEWSLETTER

CHI E' ONL-LINE?

Abbiamo 1490 visitatori e nessun utente online

I NOSTRI SERVIZI

Al fine di agevolare le vostre esigenze, le vostre aspettative, le vostre necessità, proponiamo un elenco dei servizi gestiti dalla nostra struttura. Potrete facilmente contattarci per avere delucidazioni, incontri e preventivi che potranno essere utili alla vostra attività per il disbrigo delle procedure amministrative, fiscali e gestionali. In particolare:

  • ci rivolgiamo ad ogni tipo di impresa, sia esercitata in forma sia societaria che individuale
  • assistiamo l'imprenditore fin dalla costituzione della propria attività e lungo la sua vita
  • gli forniamo ogni tipo di consulenza in materia fiscale ed amministrativa
  • elaboriamo ogni tipo di contabilità, ordinaria, semplificata e forfettaria
  • collaboriamo ed assistiamo l'imprenditore nelle problematiche inerenti la Fatturazione Elettronica di prossima introduzione
  • elaboriamo dichiarazioni dei redditi competenti per la tipologia d'impresa, inclusi i modelli 730
  • assistiamo l'imprenditore nelle vertenze con l'amministrazione finanziaria (contenzioso tributario)
  • disponiamo di una rete operativa che potrà intervenire per eventuali casistiche particolari
  • disponiamo di strutture atte ad assistere l'imprenditore nella gestione delle pratiche lavoristiche

E siamo a vostra disposizione per eventuali specifiche esigenze vorrete manifestare, scivendoci a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DISCLAIMER

Copyright © 2014 quotidiano tributario.it Tutti i diritti sono riservati. Aggiornamenti a cura di Pino Fasulo - Powered by Joomla! ver. 3.7. - validato XHTML e CSS! L'amministratore declina ogni responsabilità sull'uso improprio delle informazioni pubblicate e sulla loro utilizzazione previa adeguata verifica.