La lettera di attestazione è un documento che il revisore dovrà ottenere relativamente ad aspetti significativi del bilancio, laddove ritenga che possano esistere aspetti di bilancio su cui non si possa avere elementi probativi sufficienti e appropriati. I Principi di Revisione riportano che il revisore dovrà ottenere l’evidenza del riconoscimento da parte della Direzione della propria responsabilità per la corretta predisposizione del bilancio in conformità alle norme che ne disciplinano l’approvazione.

Gli elementi probativi da presentare includono:

1) i verbali del consiglio di Amministrazione; 
2) una copia firmata del bilancio che includa una dichiarazione di assunzione di responsabilità da parte della Direzione;
3) una lettera di attestazione.

La lettera di attestazione è un documento, che il revisore dovrà ottenere relativamente ad aspetti significativi del bilancio laddove ritenga che, ragionevolmente, possano esistere aspetti di bilancio si cui non si possa avere elementi probativi sufficienti ed appropriati.

È evidente tuttavia che, sebbene la lettera di attestazione scritta fornisce elementi probativi necessari, essa però non fornisce di per sé elementi probativi sufficienti e appropriati sugli aspetti cui si riferisce.

In altre parole, le attestazioni riportate nella lettera da parte della direzione sono elemento necessario ma non sufficiente per completare la raccolta del complesso delle procedure e degli elementi probativi ritenuti necessari dal revisore per concludere che il bilancio non contenga errori significativi.

I contenuti della lettera di attestazione dovrebbero concentrarsi sulla situazione particolare di ciascun cliente.

Quindi non esiste un modello standard di lettera, poiché ognuna dovrà riferirsi alle questioni specifiche di ciascun cliente. La lettera non farà riferimento a questioni minori, o a quelle per le quali il revisore sia già in possesso di sufficienti elementi probativi.

La lettera dovrà essere redatta sulla carta intestata del cliente e indirizzata al revisore.

La lettera andrà firmata da una figura con le conoscenze e l’esperienza adeguata. In genere a firmare saranno i responsabili della tenuta della contabilità e del controllo delle attività commerciali, come l’amministratore delegato e il direttore amministrativo.

In alcuni casi, le attestazioni saranno registrate nel verbale del consiglio, per accertarsi che tutti gli amministratori siano al corrente di quanto è stato dichiarato.

L’approvazione della lettera da parte del consiglio andrà verbalizzata.

La lettera dovrebbe essere approvata il più vicino possibile, se non lo stesso giorno, alla data di emissione della relazione del revisore, e dopo la conclusione di tutti i lavori (incluso l’esame degli eventi successivi).

Un esempio di lettera di attestazione potrebbe essere il seguente:

Carta Intestata Società

Città, Data

Spett.le Nome Revisore /Sindaci

Con riferimento all’incarico di revisione contabile ai sensi delle norme c.c. e del D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39 del bilancio d’esercizio di XY S.p.A. al 31 dicembre 20XX che evidenzia:

  • Utile dell’esercizio: XXXXXXX €
  • Patrimonio Netto: XXXXXXX €

Vi confermiamo, per quanto a nostra conoscenza, le seguenti attestazioni, già portate alla Vostra attenzione nello svolgimento del Vostro esame.

1. La finalità dell’incarico a Voi conferito è di esprimere il Vostro giudizio professionale che i suddetti bilanci presentino la situazione patrimoniale-finanziaria ed il risultato economico della XY S.p.A. In relazione al Vostro incarico di revisione contabile vi confermiamo che è nostra la responsabilità che il bilancio d’esercizio sia redatto con chiarezza e rappresenti in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale-finanziaria e il risultato economico d’esercizio della società.

2. Il bilancio è stato predisposto nella prospettiva di continuità dell’impresa; in particolare, Vi confermiamo che riteniamo appropriato il presupposto della continuità aziendale che sottende la preparazione del bilancio, prendendo a riferimento un periodo futuro di almeno 12 mesi dalla data di bilancio.

3. Vi confermiamo che la responsabilità di valutare l’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile della Società alla natura e alle dimensioni dell’impresa, nonché di implementare e adottare le necessarie misure per la sua attuazione appartiene al Consiglio di Amministrazione. Vi confermiamo altresì che ad oggi, da tali nostre attività, non sono emersi significativi elementi che possano incidere sulla correttezza del bilancio.

4. Alcune delle attestazioni incluse nella presente lettera sono descritte come aventi natura limitata agli aspetti significativi. In proposito, Vi confermiamo che siamo consapevoli che le omissioni o gli errori nelle voci di bilancio e nell’informativa contenuta nella nota integrativa sono significativi quando possono, individualmente o nel complesso, influenzare le decisioni economiche degli utilizzatori prese sulla base del bilancio stesso. La significatività dipende dalla dimensione e dalla natura dell’omissione o dell’errore valutata a seconda delle circostanze. La dimensione o la natura della voce interessata dall’omissione o dall’errore, o una combinazione delle due, potrebbe costituire il fattore determinante.

5. Vi confermiamo:

  • a) che le scritture contabili riflettono accuratamente e compiutamente tutte le operazioni della Società. Allo stato attuale delle nostre conoscenze, tutte le operazioni poste in essere sono state compiute secondo corretti criteri di gestione, sono legittime, sia sotto l’aspetto formale sia sotto l’aspetto sostanziale, e inerenti all’attività sociale. Tutti i costi ed oneri, i ricavi e proventi, gli incassi e gli esborsi, nonché gli impegni sono pienamente rappresentati in contabilità in modo veritiero e corretto e trovano adeguata documentazione di supporto emessa in conformità alla legislazione vigente. Non esistono attività, passività, costi o ricavi non riflessi in bilancio.
  • b) che la documentazione messa a Vostra disposizione ai fini dell’espletamento del Vostro incarico è completa, autentica e attendibile e che le informazioni ivi contenute sono corrette ed esatte. In particolare abbiamo messo a Vostra disposizione:

     

    • tutte le scritture contabili ed i relativi supporti documentali ed informativi;
    • i libri sociali completi e correttamente tenuti, nonché i verbali e le bozze delle riunioni non ancora trascritte nei libri in questione, in forma comunque sostanzialmente definitiva;
  • c) che, a nostra conoscenza, non esistono ulteriori accordi, impegni, controdichiarazioni, side letters, intese, anche di natura verbale, né ulteriori operazioni o atti di gestione rispetto a quanto diligentemente riportato nelle scritture contabili;
  • d) che è nostra responsabilità l’implementazione e il funzionamento di un adeguato sistema di controllo interno volto, tra l’altro, a prevenire e ad individuare frodi e/o errori.
  • e) che non siamo a conoscenza di casi di frodi o sospetti di frodi, con riguardo alla Società, che hanno coinvolto:

     

    • il management;
    • i dipendenti con incarichi di rilievo nel controllo interno; o
    • altri soggetti, anche terzi, la cui frode o sospetta frode potrebbe avere inciso in modo sostanziale sul bilancio;
  • f) che non siamo a conoscenza di dichiarazioni di frode o sospetti di frode, con riguardo alla Società, relativi al bilancio fatte da dipendenti, ex-dipendenti, analisti, autorità pubbliche o altri soggetti;
  • g) che siamo consapevoli che il termine “frode” include gli errori in bilancio derivanti da appropriazioni illecite di beni ed attività dell’impresa e gli errori derivanti da una falsa informativa economico-finanziaria. La falsa informativa economico-finanziaria comporta errori intenzionali, inclusa, l’omissione in bilancio di importi o di un’informativa adeguata, al fine di ingannare gli utilizzatori dello stesso. L’appropriazione illecita di beni ed attività comporta la sottrazione di beni dell’impresa ed è spesso accompagnata da registrazioni contabili e da altra documentazione falsa, ingannevole o fuorviante atte a dissimulare la mancanza dei beni e attività o la cessione degli stessi senza un’adeguata autorizzazione, ovvero ancora il loro utilizzo come garanzie senza la necessaria autorizzazione.

6. In caso di bilancio d’esercizio:

Vi confermiamo che è stato correttamente identificato il soggetto che svolge l’attività di direzione e coordinamento e che:

  • a) il prospetto riepilogativo allegato alla nota integrativa contiene i dati essenziali della società alla cui attività di direzione e coordinamento siamo soggetti è stato predisposto in base ai dati risultanti dall’ultimo bilancio approvato della società;
  • b) è stata fornita, nella relazione sulla gestione, puntuale informazione circa i rapporti intercorsi con la/e società che esercita attività di coordinamento e con le altre società che vi sono soggette e l’effetto che tale attività ha avuto sull’esercizio sociale e sui risultati conseguiti.

7. Vi confermiamo di aver adottato un modello organizzativo idoneo ad individuare e prevenire le condotte penalmente rilevanti poste in essere dalla Società o dai soggetti sottoposti alla sua direzione e/o vigilanza.

8. Non vi sono state operazioni atipiche o inusuali, oltre a quelle evidenziate in bilancio.

9. Vi confermiamo che il bilancio d’esercizio e/o consolidato non è inficiato di errori significativi, incluse le omissioni.

10. Vi confermiamo inoltre che non vi sono state comunicazioni del Collegio Sindacale o denunzie di fatti censurabili relativamente alla società, ulteriori rispetto a quelle già riportate sui libri sociali di riferimento, né segnalazioni di fatti o circostanze anomali che potrebbero, in caso di riscontro, rappresentare fatti censurabili.

11. Non vi sono state, limitatamente agli aspetti che possono avere un effetto significativo sul bilancio:

  • a) irregolarità da parte di Amministratori, Dirigenti ed altri dipendenti della Società che rivestano posizioni di rilievo nell’ambito del sistema di controllo interno amministrativo;
  • b) irregolarità da parte di altri dipendenti della Società;
  • c) notifiche da parte di amministrazioni pubbliche, autorità giurisdizionali o inquirenti, organismi di controllo pubblico o autorità indipendenti di vigilanza (CONSOB, Ministeri, Tribunali, Guardia di Finanza, Uffici imposte, Autorità garanti della concorrenza e del mercato, ecc.) aventi ad oggetto richieste di informazioni o chiarimenti, nonché provvedimenti inerenti l’inosservanza delle vigenti norme;
  • d) violazioni o possibili violazioni di leggi o regolamenti;
  • e) inadempienze di clausole contrattuali;
  • f) violazioni del D.L. 3 maggio 1991, n. 143 (Legge Antiriciclaggio) e successive modifiche ed integrazioni;
  • g) violazioni della L. 10 ottobre 1990, n. 287 (cosiddetta Antitrust);
  • h) operazioni al di fuori dell’oggetto sociale.

12. Non vi sono:

  • a) potenziali richieste di danni o accertamenti di passività che, a parere dei nostri legali, possano probabilmente concretizzarsi e quindi tali da dover essere evidenziate nel bilancio come passività, così come definite nel successivo punto b);
  • b) passività significative, perdite potenziali per le quali debba essere effettuato un accantonamento in bilancio d’esercizio e/o consolidato, oppure evidenziate nelle note integrative, e utili potenziali che debbano essere evidenziati nelle note integrative. Siamo consapevoli che la dizione “utile o perdita potenziali” si riferisce ad una “potenzialità” ovvero ad una situazione, condizione, circostanza o fattispecie caratterizzate da uno stato d’incertezza, le quali, al verificarsi di uno o più eventi futuri potranno concretizzarsi per la Società in una perdita o un utile, confermando il sorgere di una passività o la perdita totale o parziale di un’attività, ovvero l’acquisizione di una attività o la riduzione di una passività. Tali potenzialità non includono le incertezze legate ai normali processi di stima necessari per valutare talune poste di bilancio in una situazione di normale prosecuzione dell’attività aziendale;
  • c) significative operazioni non correttamente rilevate nelle scritture contabili e quindi nei bilanci;
  • d) eventi occorsi in data successiva al 31 dicembre 20XX tali da rendere l’attuale situazione patrimoniale-finanziaria sostanzialmente diversa da quella approvata dagli organi della società, tale da richiedere rettifiche o annotazioni integrative al bilancio d’esercizio;
  • e) atti compiuti in violazione dell’art. 2357 e ss. c.c. in materia di acquisto di azioni proprie e di azioni della controllante;
  • f) accordi con istituti finanziari che comportino compensazioni fra conti attivi o passivi o accordi che possano provocare l’indisponibilità di conti attivi, di linee di credito, o altri accordi di natura similare;
  • g) accordi di riacquisto di attività precedentemente alienate;
  • h) perdite che si devono sostenere in relazione all’evasione o incapacità di evadere gli impegni assunti;
  • i) perdite che si devono sostenere in relazione ad impegni assunti per l’acquisto di voci di magazzino eccedenti il normale fabbisogno o a prezzi superiori a quelli di mercato, o relative alla valutazione di giacenze di magazzino obsolete;
  • l) perdite durevoli di valore relative ad immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie ed investimenti fissi non utilizzati e/o obsoleti aventi un valore di bilancio significativo che debbano essere svalutati per perdite di valore.

13. Non sono previsti programmi futuri o intendimenti che possano alterare significativamente il valore di carico delle attività o delle passività o la loro classificazione o la relativa informativa nel bilancio d’esercizio.

14. Sono state portate a Vostra conoscenza tutte le informazioni relative ai seguenti punti, ove applicabili:

  • a) intestazioni fiduciarie;
  • b) impegni assunti o accordi stipulati in relazione ad acquisti o cessioni di crediti, di partecipazioni, di rami d’azienda o di altri beni, e garanzie di redditività sui beni venduti o accordi per il riacquisto di attività precedentemente alienate;
  • c) impegni assunti o accordi stipulati in relazione a strumenti derivati riguardanti valute, tassi d’interesse, beni (ad es. merci o titoli) e indici;
  • d) impegni di acquisto di immobilizzazioni tecniche ovvero impegni di acquisto, di vendita o di altro tipo di natura straordinaria e di ammontare rilevante;
  • e) perdite o penalità su ordini di vendita o di acquisto e su contratti in corso di esecuzione;
  • f) impegni per trattamenti economici integrativi (correnti o differiti) con il personale, gli agenti o altri;
  • g) impegni esistenti per contratti di affitto o di leasing;
  • h) affidamenti bancari ed accordi sui tassi di interesse;
  • i) impegni cambiari, avalli, fidejussioni date o ricevute;
  • l) effetti di terzi ceduti allo sconto od in pagamento, ma non ancora scaduti;
  • m) opzioni di riacquisto di azioni proprie o accordi a tale fine, azioni soggette a opzioni, "Warrant", obbligazioni convertibili o altre fattispecie similari.

Le operazioni effettuate e le situazioni esistenti relative ai sopraccitati punti sono state correttamente contabilizzate nei bilanci e/o evidenziate nei conti d’ordine o nella nota integrativa.

15. La società esercita pieni diritti su tutte le attività possedute e non vi sono pegni o vincoli su di esse, né alcuna attività è soggetta a ipoteca o altro vincolo (ad eccezione di quelli evidenziati nei bilanci).

16. Le imposte sul reddito sono state determinate mediante una corretta interpretazione della normativa fiscale vigente. Si è tenuto conto di eventuali oneri derivanti da contestazioni notificate dall’Amministrazione Finanziaria e non ancora definite oppure il cui esito è incerto.

Non sono previste nel breve periodo operazioni che possano portare alla tassazione dei saldi attivi di rivalutazione e delle altre riserve in regime di sospensione d’imposta.

È nostra la responsabilità per le assunzioni significative utilizzate nell’analisi dei redditi tassabili attesi allo scopo di determinare la ragionevole certezza del recupero delle attività per imposte anticipate.

17. Vi confermiamo che la società opera nel rispetto delle normative di tutela ambientale stabilite dalle leggi nazionali e/o regionali vigenti, riguardanti:

  • a) lo smaltimento di rifiuti speciali e tossico nocivi;
  • b) lo smaltimento delle acque reflue;
  • c) le emissioni in atmosfera.

Attestiamo altresì che la società opera nel rispetto delle leggi vigenti in materia di sicurezza e igiene del lavoro nonché di privacy.

18. Vi confermiamo la completezza e attendibilità delle informazioni forniteVi con riguardo all’identificazione delle parti correlate e alle operazioni realizzate con tali parti che sono significative rispetto al bilancio. È stata fornita nella relazione sulla gestione (o nella nota integrativa) apposita e puntuale informazione sulle operazioni con parti correlate con indicazione dei saldi debitori o creditori, delle vendite, degli acquisti, di altri ricavi o costi, dei contratti di leasing e delle garanzie, nonché sulle operazioni atipiche o inusuali rispetto alla normale gestione. In particolare, nel caso di operazioni con parti correlate, è stato esplicitato l’interesse della Società al compimento dell’operazione. Per “parte correlata” si intende far riferimento a:

  • a) le imprese o i soggetti che direttamente o indirettamente:

     

    • controllano, o sono controllate dalla, o sono sotto un controllo congiunto con, la società che redige il bilancio (l’universo descritto è rappresentato dalle società controllanti, controllate e consociate);
    • detengono una partecipazione nella società che redige il bilancio tale da poter esercitare un’influenza notevole su quest’ultima;
    • controllano congiuntamente la società che redige il bilancio;
  • b) le società collegate dell’impresa che redige il bilancio;
  • c) le joint venture partecipate dall’impresa che redige il bilancio;
  • d) i dirigenti e funzionari con responsabilità strategiche, cioè coloro che hanno il potere e la responsabilità della pianificazione, della direzione e del controllo delle attività dell’impresa che redige il bilancio o della sua controllante, compresi gli Amministratori e Direttori Generali;
  • e) gli stretti familiari dei soggetti di cui al precedenti punti a) e d);
  • f) le imprese controllate, controllate congiuntamente, o soggette ad influenza notevole da qualunque soggetto descritto in d) o in e) o sulle quali tale soggetto detenga, direttamente o indirettamente, una quota significativa dei diritti di voto;
  • g) i fondi pensionistici per i dipendenti della società che redige il bilancio o di una qualsiasi altra entità a questa correlata.

Per “operazione con parte correlata” si intende far riferimento al trasferimento di risorse, servizi o obbligazioni fra parti correlate, indipendentemente dal fatto che sia stato pattuito un corrispettivo.

19. Vi confermiamo che non sono mai state effettuate erogazioni dirette o indirette a partiti politici, correnti di partiti politici e singoli rappresentanti di partito al di fuori di quelle effettuate ai sensi di legge.

20. Vi confermiamo che il bilancio d’esercizio e i relativi allegati, sono conformi a quelli che saranno depositati presso la sede sociale. Ci impegniamo inoltre a darVi tempestiva comunicazione delle eventuali modifiche che fossero apportate ai suddetti documenti prima del deposito.

È nostra la responsabilità di informare il revisore circa l’emergere di eventi che possano avere un effetto sul bilancio tra la data di rilascio della relazione e la data di approvazione del bilancio.

Con la presente dichiarazione la Società riconosce e conferma inoltre che la completezza, attendibilità e autenticità di quanto sopra specificamente attestato costituisce, anche ai sensi e per gli effetti degli artt. 1227 e 2049 c.c., presupposto per una corretta possibilità di svolgimento della Vostra attività di revisione e per l’espressione del Vostro giudizio professionale, mediante l’emissione della relazione sul bilancio.

XY S.p.A.

Il rappresentante legale


Cerca

RICORDO

Ciao Chiara! Ci hai lasciati soli sulla terra ma ci accompagnerà -per sempre- il tuo vivido spirito! E la tua stella illuminerà  il nostro cammino futuro. Ti vogliamo bene!

 

LE NOSTRE CIRCOLARI (grazie al contributo dei terzi indicati)

DECRETO LEGGE N. 149 DEL 9/11/2020 “RISTORI-BIS” - LA CIRCOLARE

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo del decreto Ristori bis, N. 149 del 9/11/2020, il provvedimento approvato dal Governo nella notte tra il 6 e il 7 novembre 2020 che prevede diversi interventi per aiutare le attività coinvolte dalle nuove chiusure. Così come gli interventi restrittivi, anche i nuovi “ristori” vengono modulati a seconda della gravità della situazione dell’emergenza epidemiologica sul territorio: le maggiori misure di supporto riguardano quindi le regioni che fanno parte della zona rossa. La misura inoltre estende la platea dei contributi a fondo perduto, aggiungendo le attività interessate dalle chiusure ma rimaste escluse dal primo decreto Ristori. Viene inoltre prevista la sospensione del versamento dei contributi INPS a carico dei datori di lavoro per un periodo di tempo diverso a seconda del colore della regione. Occorre anche ricordare che le attività ristorate o beneficianti dei vari dispositivi indicati di seguito devono essere le “primarie” per l’azienda. Segue il link a:

DPCM 3 NOVEMBRE 2020

E' da poco stato pubblicato il nuovo DPCM del 3/11/2020 -che linkiamo- insieme ad una serie di allegati, dei quali alcuni sono stati da noi posti in calce alla copia del Dpcm stesso per agevolarne la consultazione, che illustra le norme di contenimento del virus, in corso di validità dal giorno 5/11 e fino al 3/12 c.a. Seguiranno il Provvedimento del Ministro della Sanità, volto ad individuare le aree interessate e la suddivisione delle regioni nei vari raggruppamenti, e potranno essere emanate norme locali da parte dei Presidenti di Regione.

CIRCOLARE: LE MISURE DEL DL 137 DEL 28/10/2020

Il Governo ha emanato i nuovi provvedimenti anti-Covid19 ed a sostegno delle categorie interessate dalla chiusura temporanea (speriamo!) delle attività, contenuti nel DL 137 del 28/10/2020 che linkiamo. Abbiamo altresì provveduto a predisporre una CIRCOLARE (analogamente linkata) nella quale abbiamo cercato di riassumere, il più possibile esaurientemente, una sintesi dei maggiori provvedimenti di interesse di imprese e lavoratori. Il Decreto è stato pubblicato ed è efficace da oggi, 29/10/2020.

Buongiorno, oggi è

LA NOSTRA NEWSLETTER

CHI E' ONL-LINE?

Abbiamo 4746 visitatori e nessun utente online

I NOSTRI SERVIZI

Al fine di agevolare le vostre esigenze, le vostre aspettative, le vostre necessità, proponiamo un elenco dei servizi gestiti dalla nostra struttura. Potrete facilmente contattarci per avere delucidazioni, incontri e preventivi che potranno essere utili alla vostra attività per il disbrigo delle procedure amministrative, fiscali e gestionali. In particolare:

  • ci rivolgiamo ad ogni tipo di impresa, sia esercitata in forma sia societaria che individuale
  • assistiamo l'imprenditore fin dalla costituzione della propria attività e lungo la sua vita
  • gli forniamo ogni tipo di consulenza in materia fiscale ed amministrativa
  • elaboriamo ogni tipo di contabilità, ordinaria, semplificata e forfettaria
  • collaboriamo ed assistiamo l'imprenditore nelle problematiche inerenti la Fatturazione Elettronica di prossima introduzione
  • elaboriamo dichiarazioni dei redditi competenti per la tipologia d'impresa, inclusi i modelli 730
  • assistiamo l'imprenditore nelle vertenze con l'amministrazione finanziaria (contenzioso tributario)
  • disponiamo di una rete operativa che potrà intervenire per eventuali casistiche particolari
  • disponiamo di strutture atte ad assistere l'imprenditore nella gestione delle pratiche lavoristiche

E siamo a vostra disposizione per eventuali specifiche esigenze vorrete manifestare, scivendoci a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DISCLAIMER

Copyright © 2014 quotidiano tributario.it Tutti i diritti sono riservati. Aggiornamenti a cura di Pino Fasulo - Powered by Joomla! ver. 3.7. - validato XHTML e CSS! L'amministratore declina ogni responsabilità sull'uso improprio delle informazioni pubblicate e sulla loro utilizzazione previa adeguata verifica.